Start-up | Sociale | Bologna | Ferrara | Ravenna

L'IMF Kitumaini è un istituto di microfinanza nato nel 2015 a Bukavu (R. D. Congo), che fornisce crediti senza garanzie a quella parte di popolazione che altrimenti non potrebbe accedere ad alcun tipo di prestito. I beneficiari oggi superano le 1500 persone, che grazie a questi crediti riescono ad avviare attività agricole e di piccolo commercio e ad avere una speranza, Kitumaini in swahili.
L'IMF, pur essendo gestito completamente da congolesi, è nato e continua a vivere grazie all'appoggio del Comitato Imola-Bukavu di Imola, che da anni si impegna nel sostenere numerose attività in Congo. A causa di una nuova normativa della banca centrale del Congo il capitale dell'IMF deve essere aumentato entro il 31/12/2017. Contribuendo a questa campagna di crowdfunding puoi evitare che il sogno finisca, aiutaci a lanciare un segnale sufficiente a evitare che l’IMF chiuda.

La testimonianza di una delle donne che ha beneficiato del microcredito, racconta in modo molto efficace quanto l’IMF Kitumani sia importante per gli abitanti di Bukavu.

Mi chiamo Deodate N'Myamulula e ho 50 anni. Nel 1997 sono rimasta vedova con sei figli da crescere. Vivo a Cimpunda, nella campagna vicino a Bukavu, dove dal 2003 svolgo una piccola attività commerciale, in particolare vendo farina di manioca.

Dopo la morte di mio marito ero senza speranze: non sapevo dove andare, cosa fare e come far sopravvivere la mia famiglia. Poi ho incontrato Pierre Lokeka, che mi ha concesso il primo prestito di 20$, che ho rimborsato nel giro di tre mesi. Successivamente ho ricevuto un secondo credito di 30$. Mi sono resa conto che grazie a questi soldi la mia vita stava cambiando. 

Avevo alcune amiche in una situazione simile alla mia. Così ho pensato che non aveva senso restare sole, povere e vulnerabili. Allora abbiamo creato un'associazione di sei donne, che si chiama Tuungane Cimpunda. Nel gruppo ho ricevuto altri crediti, fino ad arrivare all'ultimo di 500$, che sto restituendo senza problemi.

Grazie a questi soldi ho potuto costruire la mia casa, far studiare i miei figli e a provvedere a tutti i bisogni della mia famiglia.

L'IMF-Kitumaini mi ha ridato la possibilità di lavorare, ma soprattutto mi ha dato fiducia. Grazie a loro ho ritrovato la speranza di vivere e di occuparmi dei miei figli”.

Speranza2

Contribuisci anche tu alla campagna di crowdfunding! Se entro dicembre non avverrà un aumento rilevante del capitale sociale, come prevedono le nuove leggi, l’IMF dovrà chiudere, lasciando migliaia di famiglie senza speranze. Questo progetto di crowdfunding, insieme alle altre iniziative che stiamo portando avanti, ci serve per raggiungere una cifra sufficiente a lanciare un segnale forte, che mostri alla banca centrale del Congo che l’IMF deve continuare a vivere.

Sostieni la nostra campagna, aiutaci a far proseguire l’attività dell’IMF Kitumaini!

La storia di un'amicizia

Quello tra Imola e la città di Bukavu, è un rapporto che dura dal 1996, dopo il soggiorno di alcuni congolesi a Imola presso l'Oratorio di San Giacomo. In seguito a questo incontro è nato il comitato Imola-Bukavu, che aiuta a sostenere le attività portate avanti dal centro Kitumaini, un’organizzazione che si impegna nel supporto della popolazione dei villaggi intorno a Bukavu.

Le attività nate grazie all'appoggio di Imola, nel corso del tempo, sono andate ad intensificarsi e ad aumentare con lo scopo principale di promuovere la riconciliazione dei popoli nelle aree che hanno vissuto situazioni di conflitto.

Attualmente Pierre Lokeka, oggi presidente dell'IMF-Kitumaini, è il referente principale a Bukavu. Grazie alle sue capacità di gestione sono fiorite numerose attività che vengono portate avanti grazie all'appoggio della città Imola. Tutto questo continua ad esistere grazie a tutti i cittadini del circondario imolese, in primis i ragazzi del Polo Liceale, che ogni anno prendono parte ad attività il cui ricavato permette alle iniziative che si svolgono a Bukavu di sopravvivere.

Dove

Bukavu si trova a una decina di chilometri dal confine con il Ruanda, che venne varcato nel 1994 dai profughi in fuga dal Paese del genocidio dei Tutsi massacrati dagli estremisti Hutu. Durante questo periodo i villaggi furono duramente colpiti attraverso genocidi e stupri di massa i cui effetti sono tangibili ancora oggi. Poi vennero gli anni delle guerre civili in Congo. Gli ultimi scontri risalgono 2004, quando in giugno Bukavu fu occupata dalle milizie antigovernative dell’ex generale Laurent Nkunda che scatenò il terrore in città e nei villaggi del Kivu Sud. La situazione, seppur più stabile resta molto tesa a causa di problematiche politiche e sociali.

 Speranza1

L’attività dell'IMF Kitumaini in dettaglio

Nel 2015 nasce a Bukavu, Repubblica Democratica del Congo, l’IMF Kitumaini, Istituto di Microfinanza. Attraverso l’erogazione di crediti, vengono finanziate vari tipi di attività: allevamenti di bestiame, attività agricole, artigianato e soprattutto piccolo commercio. I progetti nascono dai beneficiari e con loro crescono: partendo dai loro bisogni e dalle loro capacità, in continua evoluzione, si pensa insieme a come dare concretamente una risposta sostenibile.

Ad oggi sono più di 1.500 le persone e le associazioni che hanno ottenuto dei prestiti. Il tasso di rientro mensile si aggira mediamente intorno all'80-85% e annualmente si arriva al 90%.

Corsi di formazione, sensibilizzazione e aggregazione si affiancano alle attività quotidiane legate ai crediti. Quello a cui assistiamo è una trasformazione culturale, non solo economica.

Il microcredito

Il microcredito parte dall'osservazione del fatto che, soprattutto in contesti economici quali spesso quelli riscontrabili nei paesi in via di sviluppo, basterebbero piccolissime cifre per avviare o migliorare una attività autonoma e conquistare l'indipendenza economica. È uno strumento rivolto a quelle fasce di popolazione che, vivendo in regime di pura sussistenza sarebbero altrimenti costrette, per l'assenza di un sistema finanziario che offra loro un accesso equo al credito bancario, a rivolgersi al mercato nero del credito, cioè all'usura. È necessario offrire un'occasione di riscatto ai singoli per promuovere la crescita dell'economia attraverso l'erogazione di piccoli prestiti.

News

Continuate a sostenerci!!!

Postato il 18/10/2017 by Comitato Imola-Bukavu

In due settimane grazie al vostro aiuto abbiamo superato i 3000 €. Ma non basta! Tra i nostri sostenitori c'è anche l'Università di Ferrara, che lo scorso 30 settembre ci ha permesso di presentare il progetto all'Internazionale.

L'obiettivo che ci siamo dati e che speriamo di superare si sta sempre più avvicinando. Sono in molti che fino ad ora ci hanno sostenuto. Tra questi: Agnese Dal Monte, ARGO - Associazione di promozione sociale, Giorgia Cardelli, Federica Lorenzini, Stefania Batani, Locanda Proni - Rita Farolfi, Elisabetta Baroncini, Giulia Migliorato e Santiago Martins, Silvia Sembianti, Elena Scarpino, Maurizio e Barbara, Pier Paolo Passardi, Daniele Roli e Roberta Larosa, Gabriele Piazza, Giorgio Coralli, Diana Pirlog, Andrea Vittorio Pollini, Marcella Pirazzoli, Beatrice Martelli, Dorota Kulawiak, Nicoletta Sembianti, Daniela Visani, Marco Gasparri, Marco Sgalaberni, Veronica Lemani, Alessandro Passardi, Silvia Batani, Lorenza Ortolani, Eleonora Casetti e Francesca Brusa

A questi si aggiungono altri nomi, tra cui l'Università di Ferrara, che ci ha riservato un posto durante l'Internazionale, lo scorso 30 settembre. Tra le persone che hanno parlato c'era Stefania Batani, la quale è personalmente andata in Africa e ha visto coi propri occhi il lavoro dell'IMF-Kitumaini.

Sostenitori

Ecco i gloriosi GINGERs che hanno sostenuto il progetto finora:

Ginger Donatella Bergamini

Ginger Francesca Carlotta Brusa

Ginger ELEONORA CASETTI

Ginger FRANCA SELLA

Ginger Lorenza Ortolani

Ginger Silvia batani

Ginger ALESSANDRO PASSARDI

Ginger Veronica Lemani

Ginger Marco Sgalaberni

Ginger marco gasparri

Ginger Daniela Visani

Ginger Nicoletta Sembianti nicoletta. sembi

Ginger Dorota Kulawiak

Ginger Beatrice Martelli

Ginger Marcella Pirazzoli

Ginger Andrea Vittorio Pollini

Ginger Diana Pirlog

Ginger Giorgio Coralli

Ginger Gabriele Piazza

Ginger Daniele e Roberta

Ginger Pier Paolo Passardi

Ginger maurizio e barbara

Ginger Elena Scarpino

Ginger SILVIA SEMBIANTI

Ginger Giulia Migliorato e Santiago Martins

Ginger Elisabetta Baroncini

Ginger Stefania Batani

Ginger Federica Lorenzini

Ginger Giorgia Cardelli

Ginger ARGO - Associazione di Promozione Sociale

Ginger Locanda Proni - Rita Farolfi

Ginger Agnese Dal Monte


Conosci il progettista:

10361338_982548748424236_8601096474277710895_n

Comitato Imola-Bukavu

Il comitato aiuta a sostenere a Bukavu, Repubblica Democratica del Congo, le attività portate avanti dal centro Kitumaini, un’organizzazione che si impegna nel supporto della popolazione dei villaggi intorno a Bukavu, duramente colpiti dalle guerre che si sono succedute a partire dagli anni novanta.
Le attività nate grazie all’appoggio di Imola, che comprendono l'assistenza a donne violentate e a bambini malnutriti, una scuola elementare, programmi di adozione a distanza e una banca di microcredito, nel corso del tempo sono andate ad intensificarsi e ad aumentare, tanto che già dal 1999 collabora in tutte le iniziative Pace adesso, l’organizzazione fondata dal senatore Giovanni Bersani con lo scopo principale di promuovere la riconciliazione dei popoli nelle aree che hanno vissuto situazioni di conflitto.


imola.bukavu@gmail.com

Dillo a tutti!

CONDIVIDI


COPIA IL LINK

Lascia un commento

3.430

raccolti su € 7.000

49 %

obiettivo raggiunto

39

sostenitori

-65

giorni

SOSTIENI

 

€10

Grazie!

Ti verrà inviata una email di ringraziamento scritta da Pierre Lokeka, il direttore dell'IMF Kitumaini

4 SOSTENITORI
 

€20

Grazie di cuore!!!

Verrai ringraziato attraverso un video direttamente da uno dei beneficiari, la cui vita è stata cambiata dal microcredito.

6 SOSTENITORI
 

€30

Asante!!!

Verrai ringraziato con un CD musicale di musica africana e il tuo nome sarà inserito in una targa di ringraziamento, che verrà inserita nell'oratorio di San Giacomo.

7 SOSTENITORI
 

€50

Un dono per te!

Per ringraziarti ti sarà inviato un oggetto costruito da artigiani congolesi e il tuo nome sarà inserito in una targa di ringraziamento, che verrà inserita nell'oratorio di San Giacomo.

4 SOSTENITORI
 

€100

Uno di noi!!!

Il tuo nome sarà scolpito nella sede dell'IMF Kitumaini, in modo che il tuo aiuto sia sempre ricordato.

16 SOSTENITORI

FAI TU

Donazione Libera

Grazie mille, ogni contributo è importante!

IMPORTO MINIMO € 5 2 SOSTENITORI