Sociale | Forlì Cesena

L’Istituto Oncologico Romagnolo è da 39 anni vicino a chi soffre e insieme a chi cura. Tra i servizi d’assistenza gratuita offerti uno dei più importanti è il Progetto Margherita, che offre parrucche e supporto alle donne che durante la malattia affrontano il delicato momento della caduta dei capelli. Assieme a te vogliamo permettere a sempre più pazienti di usufruire di un servizio tanto importante. Inoltre, ci aiuterai a venire incontro al bisogno di riservatezza che un momento tanto delicato necessita e a rendere gli ambienti in cui gli incontri si svolgono il più confortevoli e accoglienti possibile. Una parrucca non può rappresentare un lusso per le nostre donne: aiutaci a sostenere questo Progetto.

banner-la-bcc-p

Nessuno deve affrontare il cancro da solo, a maggior ragione una mamma.

Sono tante le storie di donne che sentono la necessità di essere forti per dimostrare ai propri cari, in particolare ai figli, che tutto andrà bene. Con la campagna del 2017 abbiamo esteso il servizio su quasi tutto il territorio romagnolo, per fornire aiuto a tutte le donne direttamente sotto casa: e solo nella prima parte del 2018 si sono rivolte a noi ben 239 donne, più di una al giorno.

Ognuna di loro ha bisogno di un sorriso, di una carezza, di uno sguardo che le faccia sentire nuovamente bellissime, nell'intimo di una stanza pensata appositamente per metterla a proprio agio. Per questo vogliamo fare di più. Sono tante le pazienti che si rivolgono a noi, ma sono tante anche quelle che non conoscono il nostro servizio o che sono costrette a rivolgersi a centri specializzati, a pagamento. Il prezzo di una parrucca oncologica, secondo L’Espresso, “oscilla fra i 400 e i duemila euro: 500 euro in media il costo di un modello sintetico. Millecinquecento, invece, per un toupet organico con capelli veri. Una spesa importante, che incide sul bilancio, in un momento in cui le famiglie devono sostenere terapie mediche salvavita costose”.

01

Una parrucca non può rappresentare un lusso per le nostre donne. Le pazienti non devono sentirsi costrette a rinunciare a una cena, a una gita, in una parola alla normalità, per potersi vedere nuovamente belle. È qualcosa di troppo importante: va ben oltre la mera questione estetica. È un momento che possiede ripercussioni pesanti sul benessere psico-emotivo di una paziente. Riflettersi allo specchio e vedersi calve significa guardare sé stesse e scorgere solo la malattia. Significa identificare la propria persona con il cancro. Significa perdere la propria femminilità, la propria identità.

10“Non dimenticherò mai le prime pazienti che ho seguito – spiega Lilly, una delle nostre parrucchiere volontarie – sinceramente mi attendevo persone di una certa età: invece la prima persona che venne fu una ragazza bellissima di ventotto anni, con il suo bambino di otto mesi in braccio. Ricordo che si provava le parrucche con un entusiasmo contagioso: mano a mano che le metteva il neonato con la manina gliele sfilava dal capo. Si può dire, in un certo senso, che fu lui a scegliere l’acconciatura per la mamma. La seconda paziente venne col marito: non era ancora completamente calva, ma i primi effetti collaterali della chemioterapia si facevano già vedere. ‘Guardi, mi rimangono tutti in mano’, mi disse sconsolata. Ma di farsi radere non ne voleva sapere. Così il marito intervenne: ‘Domani li troverai tutti sul cuscino e sarà peggio. Guarda: me li faccio radere anch’io, così la mattina ci guardiamo allo specchio e siamo uguali’. Una scena meravigliosa, che avevo visto in un film, tanto tempo prima. Iniziai tagliando i capelli a lui, poi a lei: la donna non si volle guardare allo specchio, ma una volta scelta la parrucca fu davvero sollevata e felice. Non dimenticherò mai quel sorriso”.

L’importanza della bellezza: l’importanza di un sorriso, come racconta anche Irene, altra parrucchiera volontaria. “Un giorno entrò in negozio una cliente che porterò sempre nel cuore. Si sedette e davanti allo specchio che ne rifletteva l’immagine, senza dire una parola, si sfilò la parrucca, cercandomi in silenzio con lo sguardo. Io non dissi una parola: non riuscii proprio a ricambiare quella sua occhiata. Dentro di me provai un dolore immenso: piansi perché in quel momento sono stata una codarda, e soprattutto non sono riuscita a dirle che la trovavo bellissima, nonostante tutto, nonostante la stanchezza, nonostante la malattia che l’affliggeva. Tuttora, quando la guardo e le accarezzo i capelli, mi torna in mente quel giorno, quando probabilmente sarebbe bastato un mio sorriso per renderla più felice, per restituirle quella sicurezza che aveva perduto e che, forse, cercava al di fuori di sé, nel mio sguardo”.

A volte il sorriso di una persona amica è tutto quello che cerchiamo: aiutaci a donarne tantissimi. 

Raggiungere 10.000 euro di raccolta vuol dire permetterci di:

  • acquistare 110 parrucche, per un valore di 8.250 euro (dato il costo medio di 75,00 euro)
  • contribuire alla cura dei luoghi (arredi e decori) per un valore di 1.750 euro.

Senza il tuo aiuto non sarà possibile rispondere a tutte le donne che hanno bisogno.

la-mia-mm-e-bel

Conoscere e fare esperienza del progetto Margherita vuol dire entrare in un abbraccio protettivo IOR, vuol dire conoscere gli altri servizi gratuiti che sono a disposizione dei pazienti oncologici e delle loro famiglie, quali:

  • Assistenza Domiciliare: un aiuto per alleviare le sofferenze di chi affronta le fasi più critiche della malattia e dei loro famigliari
  • Accompagnamento: da casa ai luoghi di cura e ritorno, assieme ai pazienti che non hanno nessuno che li possa accompagnare
  • Psiconcologia: un aiuto professionale a favore dei pazienti e dei famigliari per non affrontare la malattia da soli
  • Compagnia e ascolto: i Volontari IOR sono al fianco di tutte le persone ammalate  in Ospedale e in Hospice. Un sorriso, l’ascolto attento e premuroso, un punto di riferimento per tutte le persone che si trovano a combattere la malattia.
  • La Forza e il Sorriso: lo IOR organizza laboratori di make-up gratuiti destinati alle signore in trattamento oncologico, con lo scopo di insegnare loro a non rinunciare alla propria femminilità.

News

UNA PIEGA PER LO IOR A RAVENNA

Postato il 14/11/2018 by Istituto Oncologico Romagnolo

con un contributo minimo di 10 euro contribuirai a donare una parrucca ad ogni donna che a causa della terapia contro il cancro deve affrontare il delicato momento della caduta dei capelli.

Continua a leggere


DE GUSTIBUS

Postato il 05/11/2018 by Istituto Oncologico Romagnolo

Rotaract Club Lugo per la Mia Mamma è Bellissima

Continua a leggere

Sostenitori

Ecco i gloriosi GINGERs che hanno sostenuto il progetto finora:

Ginger Silvia Montanari

Ginger Stefania Fossi

Ginger Cipolla Rita

Ginger Jessica Conti

Ginger FILOMENA SOLIMINE

Ginger Anna Luisa Colombo

Ginger MONICA NARDELLI

Ginger Valerio Lazzarini

Ginger Lorenza Ortolani

Ginger Bruno Annaloro

Ginger Cena per la Mia Mamma è Bellissima

Ginger BASSI ANTONIA

Ginger Valentina Valenti

Ginger virgilio renzetti

Ginger Futura Filippi

Ginger VALENTINA ALVISI

Ginger Enza manigrasso

Ginger silvia landi

Ginger Laura Fantinelli

Ginger paola morigi

Ginger Rosanna Manuto

Ginger Annalisa Vignoli

Ginger Carlotta Castaldo

Ginger Carlo Marchetti

Ginger paolo medri

Ginger Monica santoro

Ginger Annalisa Giunchi

Ginger manila muraccini

Ginger Guido Bassi

Ginger roberto pesaresi

Conosci il progettista:

Immagine

Anna Grazia Margapoti - Istituto Oncologico Romagnolo

L’Istituto Oncologico Romagnolo Onlus (IOR) nasce nel 1979. In 39 anni è divenuto parte integrante del tessuto sociale della regione, contribuendo a creare sette reparti oncologici laddove ne esistevano solo due, oltre ad aver dato vita a tre day hospital e all’IRST IRCCS di Meldola, struttura d’avanguardia a livello nazionale per la cura del paziente e per quel che concerne la ricerca scientifica e l’innovazione. Per questo lo IOR è vicino a chi soffre e insieme a chi cura: grazie alla generosa, altruistica spinta di più di 500 Volontari, ha potuto sino ad oggi assistere circa 45.000 pazienti a titolo gratuito; ha educato e coinvolto in progetti di prevenzione più di 135.000 bambini; infine ha formato 235 professionisti grazie a stage condotti in Italia e all’estero. Con più di 66 milioni di euro investiti in ricerca e attività di supporto dei pazienti ha contribuito in maniera determinante ad invertire la tendenza, rendendo la Romagna una terra di prim’ordine nella lotta contro il cancro.


info@ior-romagna.it

Dillo a tutti!

CONDIVIDI


COPIA IL LINK

Lascia un commento

27%

2.732

raccolti su € 10.000

27 %

obiettivo raggiunto

153

sostenitori

-79

giorni

SOSTIENI

 

€10

DONATORE INFORMATO

Ricevi a casa per un anno L'Informatore, la rivista dello IOR, e in più il nostro grazie via mail.

11 SOSTENITORI
Disponibilità: 188
 

€20

DONATORE AMICO

Ricevi a casa L’informatore, la rivista dello IOR, il nostro grazie via mail e il braccialetto #IORestoinsalute.

10 SOSTENITORI
Disponibilità: 89
 

€35

PIEGHIAMO IL CANCRO

Ricevi a casa L'Informatore, la rivista dello IOR, il nostro grazie via mail e il braccialetto #IORestoinsalute. Inoltre i nostri parrucchieri volontari ti offrono una piega gratuita presso il loro salone!

2 SOSTENITORI
Disponibilità: 28
 

€50

DIAMO UN TAGLIO AL CANCRO

Ricevi a casa L'Informatore, la rivista dello IOR, il nostro grazie via mail e il braccialetto #IORestoinsalute. Inoltre i nostri parrucchieri volontari ti offrono un taglio gratuito presso il loro salone!

4 SOSTENITORI
Disponibilità: 26
 

€75

IL TUO MESSAGGIO PER LE DONNE DEL PROGETTO MARGHERITA

Grazie di cuore! Il tuo aiuto ci permetterà di sostenere interamente l'acquisto di una parrucca! Metteremo un messaggio col tuo nome all'interno della scatola della parrucca donata. In più ricevi a casa L'Informatore, la rivista dello IOR e il nostro grazie via mail.

4 SOSTENITORI
 

€100

IL TUO MESSAGGIO E UN GRAZIE SPECIALE

Oltre a lasciare un messaggio in una delle Parrucche donate alle donne del progetto Margherita, troverai un ringraziamento speciale con tuo nome all'interno della pagina dedicata alla "mia mamma è bellissima" sulla rivista L'Informatore e il nostro grazie via mail.

4 SOSTENITORI
Disponibilità: 5
 

€150

DONATORE GALATTICO

Ricevi a casa L'Informatore, la rivista dello IOR e il nostro grazie via mail. Oltre a scegliere una delle precedenti ricompense, sarai nostro ospite all'evento auguri di Natale dello IOR o ad un evento esclusivo 2019.

1 SOSTENITORE
Disponibilità: 9
 

€200

DONATORE SUPERGALATTICO

Ricevi a casa L'Informatore, la rivista dello IOR e il nostro grazie via mail. Oltre a scegliere una delle prime 4 ricompense, riserveremo due posti per te all'evento auguri di Natale dello IOR 2018, o ad un evento esclusivo 2019.


Disponibilità: 10

FAI TU

FAI TU

Questa è una donazione libera e senza limiti. Grazie di cuore!!! Riceverai una email di ringraziamento.

IMPORTO MINIMO € 5 8 SOSTENITORI