Sociale | Forlì Cesena

I bimbi di Ribeira dom Joao, a Capoverde, frequentano una scuola elementare il cui tetto è interamente realizzato con cemento amianto. Sopra alle loro teste e senza alcun tipo di coibentazione o isolamento interno ci sono lastre contenenti fibre di amianto.
Se inalate le fibre di amianto causano all’uomo gravi danni alla salute, fra cui il cancro. In Italia l'utilizzo di amianto nelle coperture è bandito dal 1992.
Abbiamo bisogno di te per raccogliere 475.500 escudos capoverdiani, pari a 4.400 euro, per rimuovere l’amianto dalla scuola; il futuro dei bimbi di Ribeira dom Joao dipende da noi, solamente insieme possiamo farcela.
Una scuola non può mettere a rischio la salute dei bambini che la frequentano, aiutaci con una donazione a eliminare l’amianto dal tetto dell’edificio!

banner-pagina-p

*** Aggiornamento ***

Abbiamo raggiunto l’obiettivo e lo abbiamo fatto grazie a voi! La vostra risposta è stata così immensa che siamo riusciti ad ottenere la somma necessaria prima del tempo previsto.

Per questa ragione noi non molliamo, continuate ad aiutarci e tutto quello che ricaveremo in più lo impiegheremo per proseguire i lavori di ristrutturazione dell’intera scuola elementare, sistemando anche le pareti e gli infissi e per acquistare nuovi materiali didattici necessari.

***

Ai bambini della scuola di Ribeira dom Joao poco importa di tutto quello che ti racconteremo a seguire: quel che conta, per loro (e di conseguenza per noi), è solo la possibilità di andare a scuola, il primo passo di un cammino che possa auspicabilmente rendere migliore il loro futuro, e di farlo in sicurezza e senza rischi per la loro salute.

Siamo Casa di Palma vogliamo sostituire il tetto in amianto della  scuola di Ribeira dom Joao con uno che ne sia privo, ma per riuscirci abbiamo bisogno di te. Aiutaci con una donazione, insieme faremo un gesto concreto per migliorare il futuro dei bambini che la frequentano.

Seguiamo di persona i progetti che intraprendiamo, recandoci frequentemente a Capo Verde e facendoci supportare da alcune persone locali fidate che negli anni hanno capito e apprezzato il nostro impegno e i  risultati ottenuti. Dalle fasi preliminare di un progetto fino alla verifica finale che quanto raccolto sia realmente destinato allo stesso, abbiamo sempre raggiunto i nostri obiettivi.

Questa volta però per sostituire il tetto della scuola abbiamo bisogno anche del tuo aiuto e di chiunque voglia prendersi a cuore insieme a noi il destino e la salute dei bambini di Ribeira. Loro, consapevolmente o no, ne saranno certamente grati.Non possiamo aspettare quello che o stato di Capo Verde non riesce a fare, aiutaci ad arrivare fino in fondo e a regalare alla scuola di Ribeira un nuovo tetto privo di amianto. Dona ora, costruiamo insieme un nuovo tetto per la scuola elementare!

Casa di Palma 6Casa di Palma 4

Ti vogliamo presentare alcuni protagonisti del nostro progetto

Kleberson, vive con la sua nonna nel paese di Ribeira Don Joao perché la sua mamma lavora troppo lontano per potersi occupare di lui. La casa dove abita è addirittura priva di un tetto, i vestiti che indossa glieli abbiamo inviati noi dall'Italia. Non possiamo lasciare che il suo futuro sia compromesso dalle fibre di amianto che sta già respirando. Klebel ha bisogno di te e ne ha bisogno adesso. Gabriel è la piccola nipotina di Klebel, oggi frequenta l'asilo ma presto anche lei inizierà a frequentare la scuola e si troverà sulla testa un tetto con fibre di amianto. Aiutaci a migliorare anche il suo futuro, non lasciamo che il bellissimo sorriso di Gabriel si spenga!  Eudes e Ruben quando riusciremo a sostituire il tetto probabilmente avranno già terminato la scuola elementare. Oltre ad augurarci che nei giorni passati nell’edificio non siano entrati in contatto con l’amianto possiamo fare di più, possiamo evitare che altri bambini corrano i loro stessi rischi.

Casa di Palma 2Casa di Palma 1

Ribeira dom Joao

Klebel, Gabriel, Ruben, Eudes e tutti gli altri (tantissimi) bambini del paese abitano a Ribeira dom Joao, un piccolo villaggio sull'isola di Maio, facente parte dell’arcipelago di Capo Verde (una ex-colonia portoghese), che è situato nell’Oceano Atlantico al largo del Senegal. Le isole dell’arcipelago, ad eccezione delle due toccate dal turismo internazionale, pur non avendo conosciuto negli anni tensioni sociali e politiche come molti altri stati africani, sono tuttora contraddistinte da grande povertà e fortissima disoccupazione.
Praticamente prive di risorse naturali e caratterizzate da ripetuti periodi di grande siccità, l’economia delle isole si basa essenzialmente sulla pesca, su forme rudimentali di agricoltura e sulle rimesse dei tanti emigranti; oltre un terzo della popolazione vive tuttora con meno di 2 $ al giorno. Il villaggio di Ribeira dom Joao non fa eccezione: ci vivono circa 350 persone, di cui il 40% bambini e tutti – chi più chi meno – sono poveri e con poche prospettive di migliorare la propria condizione se non andandosene all’estero.

Casa di Palma 3Casa di Palma 5

Cosa abbiamo fatto finora

A Ribeira dom Joao oltre alla scuola elementare esiste anche un asilo, anch’esso era fatiscente e privo di qualsiasi comfort perché né l’amministrazione locale né quella statale sono mai state in grado intervenire per prendersene cura. Come Casa di Palma abbiamo destinato risorse per l’acquisto di tutto il materiale scolastico necessario ai ragazzi per frequentare le scuole e successivamente ci siamo dedicati alla ristrutturazione dei due edifici. Abbiamo già ristrutturato l’asilo ma ora abbiamo bisogno del tuo aiuto per sostituire il tetto della scuola!

Casa di Palma 7Casa di Palma 8

La nocività dell’amianto è legata allo sfaldamento dei materiali che lo contengono, dovuto a deterioramento per assenza di manutenzione o danneggiamento. In questo senso, come è facile intuire, il clima cui questo tipo di materiali sono sottoposti, può giocare un ruolo fondamentale. Concentrandosi infatti anche sulla sola possibilità di ‘danneggiamento’, e tralasciando ciò che riguarda l’’assenza di manutenzione’ che purtroppo abbiamo potuto verificare di persona, il caso della nostra isola è emblematico di come gli agenti atmosferici possano influire ed accelerare quel deterioramento

L’isola di Maio, ed in particolare i suoi villaggi situati sulla sua costa orientale (tra cui Ribeira dom Joao), sono sottoposti tutto l’anno all’azione incessante dei forti venti provenienti dall’Africa, carichi oltretutto di sabbia del deserto, in particolare nei mesi invernali. Queste condizioni, unite anche all’azione del sale (il villaggio si trova sul mare), sono le migliori per consentire quei fenomeni di erosione dei materiali che rendono così i manufatti realizzati con materiali contenenti fibre di amianto, altamente pericolosi.

Ma che cos'è l'amianto? E perché fa così male?

L'amianto è costituito da fibre che se respirate possono infatti causare gravi patologie, fra cui il cancro; è stato riconosciuto come un cancerogeno certo per l'essere umano e l’OMS ha stimato che provoca oltre 100.000 morti all’anno. Oggi oltre settanta nazioni ne hanno bandito la produzione e l’utilizzo.
A Capo Verde l’utilizzo dell’amianto è stato massiccio, soprattutto in tantissimi edifici pubblici. Nonostante ripetute campagne di sensibilizzazione da parte di associazioni internazionali e partiti ecologisti locali, il Governo non ha avuto sino a ora né la capacità né i mezzi per intervenire. Si è parlato ripetutamente di stanziamenti destinati alla soluzione di questo problema, ma tutto è sempre finito nel dimenticatoio. L’isola di Maio non fa eccezione e in più di un’occasione – per non dire quasi sempre – è stata abbandonata a se stessa dal Governo centrale e di questo abbiamo avuto conferma, sulla nostra pelle.

Ma insieme ora possiamo fare qualcosa di concreto per la salute dei bambini dei bambini di Ribeira dom Joao, aiutaci a costruire un nuovo tetto sicuro e senza amianto per la loro scuola elementare!

News

Al momento non ci sono news pubblicate.

Sostenitori

Ecco i gloriosi GINGERs che hanno sostenuto il progetto finora:

Ginger Giacomo Muccioli

Ginger Cristina Muccioli

Ginger Ivan Gentili

Ginger Gianni Rossi

Ginger Alessandro Parise

Ginger Dario Tombetti

Ginger Rinnovacasa s.r.l.

Ginger MIRELLA CAVINA

Ginger Gianni Tinuper

Ginger Reggi Licia

Ginger Patrizia Montanari

Ginger Fausto Civenni

Ginger Nicola Pasi

Ginger Luigi Di Placido

Ginger NICOLE TASSINARI

Ginger Carlotta Bianchi

Ginger Giorgini Assicurazioni S.a.s.

Ginger Lina Del Vecchio

Ginger Stefania zavalloni

Ginger Lara Fioravanti

Ginger Michele Spinelli

Ginger Valentina Giovannini

Ginger Stefano Maccherozzi

Ginger donatella foiera

Ginger Pietro Manuzzi

Ginger Stefano Migani

Ginger Andrea Tombetti

Ginger Barbara Barducci

Ginger Stefano Greco

Ginger Cecilia Casadei

Ginger Stefania zavalloni

Ginger EMILIO AMADORI

Ginger Davide Brighi

Ginger Meris Tisselli

Ginger Dalila Neri

Ginger Lara Tordi

Ginger Vale Neri

Ginger Riccardo Pieri

Ginger Riccardo Tarello

Ginger Valerio Cervellati

Ginger Franca Giovannini

Ginger Rosanna Buccella

Ginger ilaria tambani

Ginger Riccardo Cardella

Ginger Luca Panicucci

Ginger Cristian Fusaroli

Ginger Paolo Degl'Innocenti

Ginger Fabrizio Bronzoni

Ginger Andrea valeriani

Ginger Francesca Domeniconi

Ginger Luca Borneo

Ginger Isabella Faccini

Ginger Gabriele Zanchini

Ginger Credito Cooperativo Romagnolo

Conosci il progettista:

44337447_262450261078843_733246828341886976_o

Giulia Amadori - Casa Di Palma

‘Casa di Palma’ è un’associazione di volontariato che si propone di aiutare gli abitanti, i bambini in primis, di una piccola isola africana, Maio dell’arcipelago di Capo Verde. Ai più le splendide isole di Capo Verde richiamano immagini di vacanze in spiagge spettacolari, circondati da mari cristallini. Quello che i ‘pacchetti’ non includono affatto è però la conoscenza di un popolo, della sua storia, della sua cultura ma soprattutto delle sue esigenze. Fuori dai villaggi, gli scenari mutano radicalmente e a saltare all’occhio sono le scuole scalcinate, le case spesso prive di tutto (acqua potabile, corrente elettrica, letti) le scarse o inesistenti infrastrutture, la carenza dei beni di prima necessità, in altre parole la povertà, quella stessa povertà che ci siamo abituati a vedere, magari un po’ da lontano, in tanti angoli del mondo ma che, vista da più vicino, non può lasciare indifferenti. La nostra storia è la storia di Paola (Palma all’anagrafe) che prima di tutti noi, ha deciso che bisognava fare qualcosa. Partita con intenti ‘vacanzieri’è finita un po’ casualmente nell’isola ed in particolare nel piccolo villaggio di Ribeira Dom Joao. E lì tra quelle case ha deciso di mettere (seconde) radici. In principio era il mare e i paesaggi mozzafiato ma ben presto nella Casa di Palma sono entrate le persone dell’isola e allora Paola ha cambiato prospettiva. Da allora in poi le sue valigie e quelle di tutti i parenti e gli amici che l’hanno accompagnata si sono riempite di vestiti, scarpe, farmaci, giocattoli e quant’altro potesse servire ai suoi nuovi vicini di casa. Ora Paola si gode le onde, le tartarughe che vengono a depositare le uova, le balene che ogni tanto fanno capolino e i bambini che giocano in strada da un altro punto di vista, persino più panoramico. Ma ha chiesto a noi, in cambio della condivisione di quell’angolo di paradiso che ci ha fatto conoscere, di continuare a portare quelle valigie. Anzi di portarne di più grandi e sempre più spesso!


giuliamadori@me.com

Dillo a tutti!

CONDIVIDI


COPIA IL LINK

Lascia un commento

118%

5.190

raccolti su € 4.400

118 %

obiettivo raggiunto

149

sostenitori

-48

giorni

SOSTIENI

 

€10

Video di ringraziamento

Riceverai un video di ringraziamento da parte dei bimbi della scuola elementare di Ribeira dom Joao

86 SOSTENITORI

 

€25

Un disegno per te da parte dei bambini

Riceverai un disegno come ringraziamento, il disegno sarà fatto direttamente dai bimbi della scuola di Ribeira Dom Joao

18 SOSTENITORI

 

€50

Una piccola tegola sui cui scriveremo il tuo nome

Produrremo una coppia di 2 piccole tegole e in ognuna di esse scriveremo il tuo nome. Una tegola te la spediremo per posta ordinaria, l'altra andrà a comporre un piccolo quadretto insieme a tutte quelle degli altri donatori come te, che porteremo direttamente nelle aule della scuola quando saremo sul posto.

22 SOSTENITORI

 

€100

Il tuo nome affisso nell'aula della scuola

Grazie per la tua generosità! Incideremo il tuo nome in una targhetta che affiggeremo all'interno dell'aula della scuola appena saremo direttamente sul posto in ricordo del tuo prezioso supporto.

12 SOSTENITORI

FAI TU

Foto di ringraziamento

Riceverai una email con una foto di ringraziamento che arriva direttamente dai bimbi che frequentano la scuola.

IMPORTO MINIMO €5

11 SOSTENITORI