Sociale
Obiettivo sostenibilità: 3 - Salute e benessere

Al Confine: è il nome della nostra associazione ed è il posto dove ci piace stare, non linea di separazione, ma luogo di incontro. Nei nostri Alzheimer café abbiamo imparato che stare bene è possibile se non siamo soli. Noi crediamo che le persone con demenza abbiano diritto come ogni altro ad essere felici. Vogliamo sostenere queste persone e le loro famiglie dando loro il supporto di un/a collaboratore/trice preparato/a per comprendere i bisogni e in grado di attivare le risorse della comunità. Con ciascuno vogliamo progettare e realizzare un percorso verso un maggior benessere. Ogni percorso sarà diverso, perché diverse sono le persone, ma con due parole chiave: costruire relazioni e accogliere le emozioni. Grazie al tuo aiuto possiamo mettere a disposizione tempo e competenza, aprire nuove possibilità di vita e di lavoro e contrastare l’isolamento e l’esclusione, che tanto peso hanno nell’aggravare la situazione di malattia. Sostieni il nostro progetto, dona subito! Grazie.

900x238-contrib

Il progetto

Con i percorsi di sostegno intendiamo agire per ricostruire (o costruire) relazioni significative con l'ambiente di vita abituale (parenti, vicini di casa, amici), valorizzando le risorse e i desideri di ciascuno, partendo dalle singole situazioni delle famiglie che aderiranno al progetto. Ogni intervento è orientato a due finalità: vivere esperienze positive e migliorare la vita quotidiana.

Dove si realizza il progetto? Al Gallaratese, quartiere di Milano che conosciamo bene, dove abbiamo un Alzheimer café.

Come sarà organizzato l'intervento? Un operatore specificamente formato affiancherà la persona e la famiglia per creare insieme un percorso verso un maggior benessere, attraverso queste fasi:

  • la costruzione condivisa di una “diagnosi“ delle risorse, dei bisogni, dei desideri 
  • la progettazione di iniziative utili a consolidare o creare relazioni ed esperienze positive la realizzazione delle iniziative 
  • il mantenimento in autonomia dei risultati ottenuti 

Fondamentale in ogni momento sarà la partecipazione attiva della persona e della famiglia, in una ricerca comune di nuove possibilità. 

Le iniziative saranno le più diverse (realizzare un desiderio, attivare momenti di incontro con vicini di casa o amici, creare occasioni di scambio con i più giovani, facilitare l'aiuto reciproco tra caregiver, ...). Esse cambieranno a seconda della persona e del contesto; quello che importa è che ogni persona, malata o sana, sia presa sul serio.

Quanto durerà il sostegno? Per ora la durata di un percorso individuale è prevista in sei mesi.

E se continua l'epidemia? In questo anno abbiamo imparato ad usare le comunicazioni digitali e anche ad organizzare gli interventi di persona in modo protetto. Lavoreremo sempre in sicurezza, e ancora di più cercheremo di rompere l'isolamento.

Le famiglie avranno dei costi? Finora le nostre attività sono state sempre gratuite, intendiamo mantenere questa scelta.

L'associazione Al Confine mette a disposizione la propria struttura organizzativa, garantisce le coperture assicurative e la fornitura del materiale d'uso. Ma senza il tuo aiuto non potremo far partire il progetto. Con i 5.000 € che raccoglieremo grazie a te sarà possibile:

  • creare un piccolo team che organizzi e governi il progetto 
  • far conoscere la proposta e coinvolgere altre realtà territoriali 
  • selezionare e formare gli operatori 
  • coprire i costi del lavoro dei professionisti per due casi pilota 
  • analizzare e condividere i risultati.

Noi ci crediamo, e tu? Vuoi partecipare insieme a noi? Sostienici con una donazione e grazie a te tutto questo sarà possibile.

mani_602feeea9b

Perché sostenerci

Ecco qualche buona ragione:

  • Non siamo indifferenti: l'esperienza della demenza, la vecchiaia e la malattia ci toccano da vicino.
  • Una comunità solidale dove le persone si aiutano e si rispettano ci piace di più di un mondo di individui competitivi e soli.
  • Il progetto aiuta a cambiare punto di vista e rende possibile che la persona con demenza sia accolta e valorizzata nell'esprimere le proprie emozioni, possa essere compresa nei suoi comportamenti e rispettata nei suoi desideri e sia inclusa in uno scambio alla pari con le persone del proprio contesto, superando ogni forma di stigma.
  • Il progetto sostiene i caregiver, familiari e assistenti, dando loro un ruolo attivo nel rielaborare situazioni e relazioni.
  • C'è attenzione al quotidiano e al benessere possibile, nella normalità della vita.

A ben vedere sta già tutto nel titolo: 

Diritto alla demenza: ho perso la memoria, sono disorientata, non ti riconosco più, ma mantengo desideri ed emozioni, ho diritto di scegliere, resto una persona.  
Insieme si può: aiutare e farsi aiutare, condividere, non essere soli.   Unisciti a noi, abbiamo bisogno di te.  

Il contesto  

La malattia di Alzheimer e le altre forme di demenza occupano un grande spazio nei discorsi sulla vecchiaia e nelle discussioni sul welfare.  Moltissimo è stato scritto e proposto. Resta una condizione difficile, che ci coinvolge tutti da vicino.  In quattordici anni di lavoro negli Alzheimer café abbiamo raccolto molte testimonianze sull'isolamento che affligge le famiglie quando la patologia di uno dei componenti ostacola le relazioni "normali", sulla fatica della cura, sulla difficoltà di comprendere e accogliere i comportamenti della persona con demenza.

Questo progetto cerca di cambiare punto di vista: oltre la malattia vogliamo vedere le persone. Oltre il danno biologico, il contesto di vita.

azc-14_6098322f

Chi siamo  

L'associazione Al Confine è nata nel 2007 per iniziativa di un gruppo di amiche, impegnate a vario titolo in professioni di cura. Nello stesso anno è stato aperto l'Alzheimer café in via De Castilla, uno dei primi a Milano. Nel 2014 su richiesta del Comune di Milano si è avviata una seconda esperienza al quartiere gallaratese. Il Metodo Validation è il nostro principale riferimento teorico, insieme al lavoro di T. Kitwood.  

Prima del Covid-19 offrivamo ai nostri partecipanti due pomeriggi alla settimana, per tutto l'anno salvo una breve interruzione estiva, di incontro e attività, tra queste ultime un laboratorio teatrale, di arteterapia e musicoterapia. Positiva ed importante l'esperienza di attività intergenerazionali, che hanno coinvolto ragazzi e bambini di diverse scuole.   Attualmente le attività proseguono on line, con qualche difficoltà ma con una sostanziale positiva adesione.  

Siamo convinti che sia importante agire per un cambiamento culturale: da qui i corsi di formazione per operatori e familiari, la partecipazione a Bookcity, i seminari con gli studenti dell'Università Cattolica, la produzione di documentari, la presenza a convegni e altre iniziative.  

L'associazione ha aderito fin dall'inizio alla Rete Alzheimer del Comune di Milano e partecipa al Tavolo Alzheimer e ai relativi gruppi di lavoro.

News

Grazie

Postato il 15/07/2021 by Associazione Al Confine aps

Il nostro impegno

Continua a leggere


contributi off line

Postato il 29/06/2021 by Associazione Al Confine aps

Abbiamo ricevuto contributi per questo progetto anche off line. Li comunicheremo al più presto e …

Continua a leggere


un grande sostegno

Postato il 21/06/2021 by Associazione Al Confine aps

Continua a leggere

Sostenitori

Ecco i gloriosi GINGERs che hanno sostenuto il progetto finora:

Ginger Betty Leone

Ginger Rosanna Radimir

Ginger Anna Rosci

Ginger Ezia Brazzelli

Ginger Monica Sghirinzetti

Ginger GIGLIOLA ADELE VILLA

Ginger Elpide Chelli

Ginger Sergio Bigi

Ginger BCC Milano - Contributo VIS

Ginger Di Cesare Franco

Ginger Giorgio Feltri

Ginger Roberto Maltagliati

Ginger Paola Crespi

Ginger Claudia Parzani

Ginger GianMario e Paola Pasi

Ginger Grazia Fried

Ginger Cristina Alemanni

Ginger Patrizia Scalia

Ginger Sabrina Ostinelli

Ginger Silvia Camera

Ginger antonella padova

Ginger Sabrina Cavalieri

Ginger Pietro Largo

Ginger Antonietta Reina

Ginger Paola Strano

Ginger elena telesi

Ginger Tatiana Ferrari

Ginger Elisa Ravasio, Daniela Fantoni

Ginger Giorgio Loli

Ginger silvia garbin

Ginger Anna Garbin

Ginger Adorno Marazzina

Ginger Cinzia Siviero

Ginger Giulio Coppi

Ginger Rita Albano

Ginger Gabriella Biasi

Ginger Anna Garbin

Ginger Joshua Tybur

Ginger Adele

Ginger Giulia Dapero

Ginger Alberto Forni

Ginger Giuliano Forlani

Ginger Gabriella Goglio

Ginger Silvana Botassis

Conosci il progettista:

Associazione Al Confine aps

L'associazione Al Confine è nata nel 2007 per iniziativa di un gruppo di amiche, impegnate a vario titolo in professioni di cura. Nello stesso anno è stato aperto l'Alzheimer café in via De Castilla, uno dei primi a Milano. Nel 2014 su richiesta del Comune di Milano si è avviata una seconda esperienza al quartiere gallaratese. Il Metodo Validation è il nostro principale riferimento teorico, insieme al lavoro di T. Kitwood.


e.granello@gmail.com

Dillo a tutti!

CONDIVIDI


COPIA IL LINK

158%
Obiettivo raggiunto!

7.900

raccolti su € 5.000

158 %

obiettivo raggiunto

67

sostenitori

0

giorni

SOSTIENI

 

€20

Invito

Per ringraziarvi siete invitati fin d'ora a partecipare ad un nostro Alzheimer café e a una festa con tutti i donatori e i partecipanti alle diverse attività (in presenza se possibile e comunque online). Vi manderemo per mail un biglietto di invito, fatto dai partecipanti ai nostri gruppi.

14 SOSTENITORI

 

€30

maglietta dell'associazione

T shirt con il logo dell'associazione e una frase di Thor Heyerdahl (ricordate il Kon-Tiki?): "Confini? Non ne ho mai visto uno, ma ho sentito che esistono nella mente di alcune persone" Un modo per dire il nostro comune impegno contro l'esclusione e l'isolamento. Le magliette sono disponibili in diverse taglie, colore grigio o nero, per uomo o donna. Faremo il possibile per rispondere alla vostra specifica richiesta.

2 SOSTENITORI

Disponibilità: 78

 

€50

Lettera di ringraziamento

Non sarà una lettera qualsiasi, ma il racconto in parole ed immagini dell'esperienza che il vostro dono ha reso possibile. Anziani e famiglie ne saranno protagonisti ed autori. Sarà bello conoscersi. Ci serve un vostro indirizzo mail.

14 SOSTENITORI

 

€140

consulenza + libro

Mettiamo a disposizione un operatore formato al metodo validation per un intervento personalizzato di due ore (a domicilio se entro la Città Metropolitana Milano, on line negli altri casi). Se non siete interessati personalmente potete regalare questa opportunità a chi volete. Nel libro, scritto per e con chi si prende cura di persone con demenza, troverete utili indicazioni pratiche per stare accanto alla persona malata.

4 SOSTENITORI

Disponibilità: 16

 

€250

Video di ringraziamento

Crediamo che alla generosità debba corrispondere la gratitudine. Cercheremo di esprimerla con un breve video di ringraziamento da parte della famiglia che avrà potuto sviluppare il proprio percorso grazie al vostro aiuto. Se ci autorizzerete pubblicheremo il vostro nome o i riferimenti della vostra azienda sul nostro sito e sulla pagine Facebook. Diventerete nostro partner.

4 SOSTENITORI

FAI TU

Confini da scoprire

Raggiungere l'obiettivo è indispensabile. Ogni contributo, anche il più piccolo, è fondamentale, la sua mancanza può rendere inutile tutta la campagna. Puoi donare qualunque cifra. Ti ringrazieremo raccontandoti qualcosa di noi, un incontro con uno dei nostri volontari, di persona o digitale, per conoscerci meglio.

IMPORTO MINIMO €5

25 SOSTENITORI