Idea Ginger
Faq Contatti Come funziona Login progettista
Obiettivo raggiunto!
20.531 raccolti su € 10.000 205 % obiettivo raggiunto 185 sostenitori 31/08/2021 progetto concluso
Sostieni il progetto

La multiforme rassegna di presepi, da quelli tradizionali a quelli di sale, da quelli animati a quelli viventi, realizzata nella nostra Città in occasione del Natale scorso, ha fatto riesumare in tanti Cervesi in là con gli anni, ricordi lontani della loro gioventù, quando era impensabile trascurare la visita al caratteristico presepe allestito nella Chiesa di Sant'Antonio. La visita a questo presepe rappresentava allora, per molti, un atto abitudinario che univa devozione a divertimento e quando poi vi si aggiungeva compiendola, l'incontro colloquiale con il suo autore, il buon don Celso sempre presente, allora la visita diventava addirittura esilarante.

Mi sembra assai utile, per i giovani che non l'hanno conosciuto però spesso lo sentono nominare, ed anche per gli anziani che lo rammentano vagamente, presentar loro una sintesi biografica del prete bizzarro che rallegrò la dura vita cervese di oltre mezzo secolo fa.

Don Celso Martini era nato a Bagnacavallo il 22 giugno 1884 e subito dopo la sua Ordinazione sacerdotale, nel 1906, fu inviato nella Diocesi cervese retta dal Vescovo Federico Foschi, e precisamente nella parrocchia di Cervia che allora comprendeva anche i territori, divenuti poi a loro volta parrocchie, della Pinarella, della Tagliata, di S. Andrea, di Montaletto, di Milano Marittima e della Malva Nord. Era il tempo in cui il Convento di Sant'Antonio, piuttosto diroccato, era stato trasformato in fabbrica di sandali mentre la Chiesa adiacente restava sempre aperta al pubblico a cura del suo Rettore, il reverendo don Paolino Venturi. Giunse don Celso e subito divenne l'aiuto sia del Rettore di Sant'Antonio e sia dei canonici della Cattedrale: in totale dieci canonici e sei mansionari.

Svelto, intelligente, volenteroso, il ventiduenne mansionario divenne elemento prezioso per la Chiesa cervese per la disponibilità, per l'esemplare servizio ministeriale e per la instancabile attività poliedrica. Lo documenta, fra le altre memorie, anche il modesto quadretto ex-voto da lui disegnato ed acquerellato, conservato in bacheca nella Chiesa di Sant'Antonio, rappresentante un incidente fortunoso accaduto nell'ottobre del 1906 durante i restauri al tetto di quella Chiesa.

Poi scoppiò la Grande Guerra e don Celso, chiamato alle armi, fu cappellano militare al fronte, soffrendo lunghi disagi e tragedie dolorose; fu anche ferito alla testa e poi fatto prigioniero e deportato in Austria.

L'insieme di questi avvenimenti drammatici e deprimenti gli causò un profondo trauma psichico che, anche se poi superato, lo condizionerà con alti e bassi per tutta la vita. A pace conclusa, liberato dalla prigionia, nel 1921 riprese il suo posto nella Diocesi cervese, ma il don Celso di prima ormai non esisteva più. Il suo comportamento ora alternava periodi di regolare servizio e di estro creativo validissimo, a momenti strani ed imprevedibili di bizzarrie che rasentavano l'anormalità. Anche molte cose attorno a lui erano cambiate. La Chiesa di Sant'Antonio era stata chiusa al culto e trasformata in magazzino con i banchi dei fedeli accatastati in un angolo, l'antico Convento era stato ristrutturato dal Comune e adibito a ricovero di dodici anziani inabili nel piano terreno ed a sette alloggi per famiglie indigenti al primo piano. Anche il vecchio Ponte sul Canale, dagli alti pilastri in muratura, era cambiato e due nuovi parapetti in ferro costruiti da Goliardo lo rendevano irriconoscibile. Pure la sua guida spirituale don Paolino, ormai ultraottantenne ed ammalato, era diventato debole e paralizzato. Rapido comunque scorre il tempo e altri avvenimenti incalzano. La Chiesa di Sant'Antonio è restaurata e viene riaperta al culto, don Paolino si trasferisce dalla via XX Settembre nella canonica accanto alla Chiesa rimessa a nuovo, ma non ce la fa più. Nel 1924 don Celso viene nominato Rettore al suo posto e va a coabitare nel la canonica cercando di offrire aiuto e conforto al vecchio prete invalido e di ridare impulso e vivacità alle funzioni religiose con il recupero dei vecchi e nuovi riti. Decide improvvisamente di far aprire una feritoia nel muro che separa la canonica dalla Chiesa per consentire a don Paolino di seguire le funzioni senza muoversi dalla sua cameretta e di ammirare gli addobbi e le novità che la mente dinamica del suo allievo sa produrre.

 

Il cuore di don Celso era infatti capace di inventare anche questi gesti squisiti che inducevano a condonargli le sue stramberie improvvise. Per evitare eventuali conseguenze derivate dai suoi disturbi psichici, prudentemente il Vescovo gli aveva avocato il potere di esercitare il delicato Sacramento della Confessione, però ogni altro servizio sacerdotale era da don Celso svolto regolarmente con tutta la sua buona volontà ed impegno: dal 1924 a tutto il 1943 come Rettore della Chiesa di Sant'Antonio, come mansionario in aiuto ai canonici della Cattedrale, come custode del Cimitero urbano per conto del Comune. Ed è proprio in questo lungo lasso di tempo che si sgrana la serie degli aneddoti su don Celso, tante gustose storielle che i nostri vecchi amavano raccontare durante i riposi fra una fatica e l'altra, ridendo di cuore, senza irrisioni, perché, conoscendo a fondo don Celso, riportavano quelle scappate stravaganti ad una giusta ed affettuosa comprensione.

Dillo a tutti!

CONDIVIDI


COPIA IL LINK

Conosci il progettista:

55EA111A-4BCA-478D-8BB2-F44F73AFC517

Giuseppe Curra' - Comitato Amici della chiesa Sant'Antonio di Padova a Cervia

Un gruppo di amanti di Cervia e dei suoi "tesori" (come la chiesa settecentesca di Sant'Antonio) a cui è sorto il desiderio di sostenere concretamente l'impegno economico per il rifacimento del pavimento della chiesa, rimboccandoci le maniche per coinvolgere il più alto numero di persone. Vorremmo, anche grazie al tuo sostegno, acquistare le nuove piastrelle per i 230 mq del pavimento di Sant'Antonio: un importo impegnativo ma che con tuo aiuto possiamo raggiungere. A te che vorrai sostenere questo progetto abbiamo pensato a riconoscimenti importanti ed originali! Sostieni questo progetto partecipando da protagonista: dona ora il tuo contributo.


amicisantantonioacervia@gmail.com

SOSTIENI

 

€10

Cartolina di ringraziamento

Il nostro più sentito ringraziamento online per il tuo prezioso sostegno

9 SOSTENITORI

 

€25

Sant'Antonio di Padova con te

La stampa fotografica della statua di Sant'Antonio di Padova a Cervia insieme ad altre due stampe di quadri della chiesa (non in commercio)

11 SOSTENITORI

Disponibilità: 39

 

€35

Il sale dolce di Cervia

Il prezioso "sale dolce" delle saline di Cervia in una confezione speciale con la cartolina personalizzata di ringraziamento da parte del Comitato

13 SOSTENITORI

Disponibilità: 37

 

€50

Visita guidata a MUSA

Una visita guidata per due persone al Museo del Sale (MUSA) di Cervia in compagnia di alcuni membri del Comitato Amici della chiesa di Sant'Antonio

12 SOSTENITORI

Disponibilità: 37

 

€100

Una chiesa cara ai cervesi

Il libro pubblicato nel 2011, di 115 pagine, con ricostruzioni storiche e immagini della chiesa di Sant'Antonio. Sono le ultime copie del libro rimaste!

11 SOSTENITORI

Disponibilità: 27

 

€250

Un pomeriggio insieme agli amici di Sant'Antonio

Passeggiata e visita guidata per due persone per il centro di Cervia e alla chiesa di Sant'Antonio con la conclusione di una deliziosa merenda romagnola insieme

Disponibilità: 10

 

€500

Una notte a 4 stelle

Soggiorno di una notte per due persone con prima colazione presso un hotel 4 stelle sul Lungomare di Cervia (prenotazione da concordare)

1 SOSTENITORE

Disponibilità: 2

 

€1.000

Il ricordo di te per sempre

Il tuo nome verrà inciso su una piastrella del nuovo pavimento nella chiesa di Sant'Antonio a Cervia

3 SOSTENITORI

Disponibilità: 2

FAI TU

Il ricordo di te

Il tuo nome nell'Albo d'Oro dei donatori affisso nella bacheca della chiesa di Sant'Antonio

IMPORTO MINIMO €5

68 SOSTENITORI