Sociale | Bologna | Ferrara | Forlì Cesena | Modena | Parma | Piacenza | Ravenna | Reggio Emilia | Rimini

Siamo un gruppo di persone che tentano di combattere insieme una battaglia terribile. Abbiamo la malattia di Parkinson e, credeteci, la nostra vita non è facile. Ma non è nemmeno così impossibile come lo era fino a pochi anni fa. Oggi esistono buoni farmaci che tengono la malattia sotto controllo. Ci sono poi trattamenti di fisioterapia che aiutano il malato a mantenere una discreta qualità di vita e colloqui psicologici che ci danno la forza ed il coraggio di vivere normalmente. Certo non è facile ed uno degli scogli più gravi è la necessità di spostarsi per le frequenti visite neurologiche o per semplici analisi di laboratorio. Abbiamo un sogno: comprare un pulmino attrezzato, ci vuoi aiutare?

Aiutaci a comprare un pulmino per il trasporto dei malati, dei disabili, degli anziani.

Mi chiamo Carlo Pipinato ed ho la malattia di Parkinson. Faccio parte dell'Associazione Parkinson Rovigo & Amici, un gruppo molto attivo di malati che aiutano malati. Se l'Associazione avesse un pulmino sarebbe molto più facile andare alle visite mediche ed alle terapie fisiatriche, Dio sa quanto difficile invece sia!

Ti racconto la mia storia, potrebbe essere quella di un tuo amico:

Mi è corso un brivido freddo lungo la schiena, ho raddrizzato la postura delle spalle incurvate, ho guardato fuori un pettirosso abbeverarsi alla vaschetta messa – lì sull’erba – da Lena ed ho rivisto mentalmente la scena della mia personale annunciazione. Tre anni fa un neurologo gentile mi ha diagnosticato la malattia di Parkinson. Quel giorno è stato un momento feroce. Quel giorno è stato particolare: c’è un 'prima' e c’è un 'dopo'. Il dopo è un lungo viaggio nel mondo del Parkinson. Il prima non conta più. A volte sto male e non capisco perché, poi passano giorni, addirittura settimane, in cui sto bene, molto bene e vorrei gridare al sole, al mare, alla terra che sono guarito. Ma non è possibile. La bestia sta là acquattata, in attesa di riprendere ad aggredirmi e a portarmi via un pezzetto di vita. A volte mi capita di sentirmi agitato, la mano destra si ribella al mio controllo e trema senza che io la possa fermare. Altre volte mi sento bloccato, fatico ad allacciare le scarpe, ad abbottonare la camicia. Ho bisogno di tempo. Mettermi fretta non mi aiuta. Ho bisogno del 'mio' tempo. Devo camminare ogni giorno. Cinque chilometri sarebbe l’ideale. La compagnia di Lena rende più piacevole la passeggiata. Però, sovente, preferisco passeggiare da solo, camminando piano, respirando a pieni polmoni l’aria fresca, rubando al tempo un momento di felicità. Dovrò smettere di guidare e ciò sarà difficile da accettare. Quindi avrò bisogno di essere accompagnato, come tanti miei amici più avanti di me, alle visite mediche, alle sedute fisiatriche o per le analisi di routine."

VP18

E' una storia normale: è ciò che capita a chi ha la malattia di Parkinson. L'Associazione Parkinson Rovigo offre da tempo un servizio di accompagnamento con i propri volontari, usando purtroppo mezzi privati e non attrezzati per il trasporto dei disabili.

I volontari ci sono, il pulmino attrezzato lo potremmo comprare.
Il tuo aiuto, anche piccolo, sarà per noi un dono meraviglioso.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo copre l'80% dei 26.940 € necessari.

SERVONO ANCORA 5.390 EURO

Aiutaci come puoi. Grazie!
Donare è contribuire alla realizzazione di un sogno.

VP13

News

Notiziario n° 10 - quarantesimo giorno 26/02/2017

Postato il 24/02/2017 by Associazione Parkinson Rovigo & Amici Onlus

Ci sono ancora poche ore per contribuire, clicca sul logo dell'Associazione Parkinson Rovigo & Amici.

Ci sono ancora poche ore per contribuire, clicca sul

Grazie a tutti i centouno sostenitori è stato possibile non solo raggiungere bensì superare il traguardo che ci eravamo posti.
Il “Pulmino Amico” è stato ordinato ed arriverà a Rovigo entro il mese di Aprile. Entrerà subito in azione, perché la vostra generosità ci consente di affrontare con tranquillità i costi dell'assicurazione e dell'immatricolazione.
Il vostro contributo è stato fondamentale per dare slancio al progetto, in particolare alcune donazioni sono state commoventi: dal bimbo di sei anni che ha letteralmente spaccato il porcellino, donando i risparmi di tutta la sua vita, alla nonna che ha voluto, senza tentennamenti, intaccare un gruzzolo di per sé esiguo.
Siete stati stupendi!
Ci avete donato una gioia che non dimenticheremo mai.


Notiziario n°9 - trentaseiesimo giorno 22/02/2017

Postato il 21/02/2017 by Associazione Parkinson Rovigo & Amici Onlus

Il termine inglese “caregiver“, è entrato ormai stabilmente nell’uso comune; indica “colui che si prende cura” e si riferisce naturalmente a tutti i familiari che assistono un loro congiunto ammalato e/o disabile.

I caregiver dei pazienti con malattie croniche degenerative sono la grande maggioranza. Sono in prevalenza donne per il 74% dei casi e famigliari del malato nel 66%.

Se ci si trova nella condizione di assistere un proprio caro, si ricordi che i momenti di difficoltà sono sempre in agguato, l'impegno è spesso difficile e gravoso e non mancheranno certo momenti di stanchezza.

Ecco, di seguito, un elenco di consigli che ci vengono dall'americana Caregiver Action Network:

  • non permettere che la malattia del tuo caro sia sempre al centro della tua attenzione;

  • rispettati per quello che sei ed apprezzati per quello che fai;

  • stai svolgendo un compito impegnativo e hai il diritto di trovare spazi e momenti di svago;

  • vigila sull'eventuale comparsa di sintomi di depressione;

  • accetta l’aiuto di altre persone, che possono svolgere compiti specifici e limitati;

  • impara il più possibile sulla patologia del tuo caro: conoscere aiuta;

  • difendi i tuoi diritti come persona e come cittadino.



Notiziario n°8 - trentaduesimo giorno 18/02/2017

Postato il 19/02/2017 by Associazione Parkinson Rovigo & Amici Onlus

"La musica è stata utilizzata nel corso della storia dell’ umanità come una forza in grado di alleviare angosce e malattie, ma solo in tempi recenti ha cominciato ad evolversi come disciplina scientifica". Claudia Baratella (musicoterapeuta).

La musicoterapia è una disciplina specialistica di carattere preventivo, riabilitativo e terapeutico. La musica agisce nel mondo interiore della persona, principalmente nell’aspetto emotivo-affettivo, abbassando le difese e le paure. La musica coinvolge in modo massiccio il cervello e, nello stesso tempo, in modo differenziato e selettivo le aree deputate al controllo del movimento. Si tratta di una terapia di tipo relazionale, dove l’elemento sonoro facilita l’apertura di canali di comunicazione, verbali e non verbali. Quindi, per musica in musicoterapia, si intende il suono a 360° cioè suono ritmo, suono movimento, suono vocalità. Il ritmo è di fondamentale importanza per la riabilitazione del malato di Parkinson, poiché è un requisito essenziale per promuovere la capacità di iniziare un movimento, per programmare il gesto e per favorire strategie motorie complesse.


Notiziario n°7 - ventottesimo giorno 14/02/2017

Postato il 14/02/2017 by Associazione Parkinson Rovigo & Amici Onlus

La raccolta fondi procede a strappi. Alcuni giorni non succede nulla poi, in un giorno solo arrivano sei donazioni. Ci aspettiamo certamente uno spunto finale, ma se qualcuno volesse anticipare un attimo......

La malattia di Parkinson colpisce circa 230.000 persone in tutta Italia, con un alto trend di crescita ed un significativo aumento delle diagnosi tra persone giovani: circa un quarto dei malati hanno un esordio sotto i 50 anni, tra il 5 e il 7% addirittura sotto i trent’anni. La malattia causa problemi non solo fisici, ma anche psicologici: interessando il cervello, infatti, può portare a fenomeni di depressione, che si aggravano con l’isolamento sociale e la mancanza di stimoli. Molti hanno bisogno di essere trasportati. Il canto è un rimedio alle potenziali cadute di tono e di volume, un sintomo poco conosciuto ma abbastanza frequente nelia malattia di Parkinson. Il nostro gruppo "si allenna" al canto con la maestra Barbara Gradin. I risultati sono "incoraggianti". In effetti abbiamo un bel coraggio...


Notiziario n°6 - ventiquattresimo giorno 10/02/2017

Postato il 11/02/2017 by Associazione Parkinson Rovigo & Amici Onlus

PERCHE’ UN’ASSOCIAZIONE PARKINSON A ROVIGO? I motivi possono essere tanti. Perché si conosce qualcuno che ha la malattia, o perché quel qualcuno è un parente o molto più semplicemente perché a te è stata diagnosticato il Parkinson.

E così è stato. Qualche anno fa, i miei sospetti hanno preso corpo e mi sono ritrovata a vivere anche questa esperienza. Dire che è stato un brutto momento è un giocare sulle parole.


È stato terribile!


Confesso che è stato peggio di tutte le altre volte quando ho dovuto affrontare pesanti malattie, ma mi dicevano che si potevano curare, che c’erano possibilità di guarire.


Ora no!


Ce l’hai e te lo devi tenere. Puoi solo fare in modo che non progredisca troppo in fretta. Che ti lasci un po’ di vita serena, se possibile.


Ho cercato allora di informarmi.


Tramite internet ho conosciuto diverse associazioni di tutte le parti del mondo e leggevo in continuazione quello che pubblicavano alla ricerca di parole che mi confortassero.

Le ho trovate negli scritti dal cardinale Martini là dove afferma che bisogna parlare di quello che ti sta succedendo, non nascondere nulla perché la parola ti aiuta a passare al contrattacco. Suggeriva l’importanza del pensare positivo in tutti gli aspetti della vita soprattutto nelle forme di “stanchezza, apatia, demotivazione, umore nero”, che caratterizzano proprio questa malattia.

Ho cominciato così a darmi coraggio per rendere più facile quello che affrontavo ogni giorno, per impedirmi così di scivolare verso pensieri negativi. La condivisione di sensazioni, paure, angosce mi è sembrata qualcosa che avrebbe alleggerito il peso che mi era crollato addosso.


Notiziario n°5 - ventesimo giorno 06/02/2017

Postato il 06/02/2017 by Associazione Parkinson Rovigo & Amici Onlus

A metà corsa la raccolta fondi procede con vigore. Sono stati raccolti 5.170 € su 5.390. Per raggiugere l'obiettivo mancano 220 €, un'inezia. Speriamo che arrivino già in giornata. Grazie!

La malattia di Parkinson ha, sovente, un'importante componente depressiva. Le necessarie terapie farmacologiche devono essere accompagnate da attività fisiche mirate e da incontri di sostegno psicologico. Abbiamo incontrato la dottoressa Paola Guerrini, Psicologo Dirigente presso il Centro di Salute Mentale dell'Azienda Ulss 5 Polesana, cha ci ha rilasciato questa breve intervista.


Cosa ti ha insegnato, e ti insegna tutti i giorni, la frequentazione dei malati di Parkinson?

La collaborazione, iniziata tre anni fa con il mondo del Parkinson, è stata per me un motivo di importante crescita personale e professionale. Ho potuto confrontarmi con persone che conducono ogni giorno una dura battaglia per affrontare le difficoltà della malattia, piccole e grandi, con estrema dignità e semplicità. Questa vicinanza mi ha insegnato ad apprezzare la vostra forte volontà di non arrendervi mai alla malattia.


E la vicinanza è anche partecipazione?

La frequentazione non poteva essere solo fine a sé stessa. D'altra parte lavorare con voi dell'associazione, attraverso i colloqui e le attività di gruppo, condividere momenti di festa ed istanti di fatica, ha fatto sì che che sia nato un sentimento di appartenenza.


Quanto conta la terapeuta e quanto conta la donna nella professione di psicologa?

Nel lavoro di psicologo contano sia la professionalità che le capacità umane. Anzi i due livelli devono intersecarsi, in modo da permettere una continua crescita. E' una perenne ricerca di mettersi in gioco, sia come sfide lavorative che come persona. La vera fatica è, almeno per me, far posto a tutto, dato che vorrei poter fare tante più cose. Però, anche grazie a voi, ho imparato ad individuare delle priorità e la famiglia, voi ne siete una testimonianza, credo sia la prima priorità.


Notiziario n°4 - sedicesimo giorno 02/02/2017

Postato il 02/02/2017 by Associazione Parkinson Rovigo & Amici Onlus

Il Dottor Eraldo Barcaro, neurologo di riferimento dell'Associazione Parkinson Rovigo & Amici, ci ha rilasciato queste riflessioni che ci parlano della sua esperienza e del suo vissuto con i malati di Parkinson.

Mi occupo di malati di Parkinson da una vita e mi rendo conto che pensarci a freddo, davanti ad una tastiera, è una cosa ben diversa del raffronto, quasi quotidiano, che ho con queste persone, che si affidano a me, ovvero alla mia conoscenza ed in definitiva alla mia coscienza.

Da questo confronto esce un insegnamento, che penso sia reciproco, di fiducia, di stima, di frequentazione, che alla fine tende a diventare una specie di simbiosi amichevole.

La partecipazione del medico diviene compartecipazione della situazione patologica, della terapia, degli eventuali peggioramenti, dei risultati a volte positivi. Tutto sta nel giusto rapportarsi, nel mantenere sempre vivo e costante il rapporto medico-paziente, nel sapersi ciascuno mettere nei panni dell’altro, per capire e vivere assieme le intense difficoltà dei malati.

Tutto questo non solo con farmaci e terapie, ma anche con un rapporto adeguato, positivo, empatico, se possibile “amichevole”. Importante è la fiducia reciproca. Una volta diagnosticata la malattia e “scelto” il neurologo di fiducia, il punto è come mantenere un patto che è per tutta la vita! Interviene l’uomo che è anche medico e il medico che è anche uomo. Ciascuno ovviamente ha la propria emotività e i propri modi di agire, la propria esperienza e il proprio comportamento, ma penso che, per determinate malattie, vi sia il bisogno che il medico sia “a disposizione”.


Notiziario n°3 - dodicesimo giorno 29/01/2017

Postato il 29/01/2017 by Associazione Parkinson Rovigo & Amici Onlus

La raccolta fondi si è un po' fermata: in quattro giorni due donazioni per un totale di 100 €. Ci dicono che è normale, che c'è sempre un po' di stanca prima del rush finale. Qualcuno, magari con "soli" 20 €, vuole rimettere in moto la macchina?

Il Parkinson, o molto più probabilmente i farmaci che ne contrastano i sintomi, risveglia ed acuisce le nostre attitudini. Di quelle peggiori non parliamo, ci piace invece dirvi dei risvolti positivi. Ad esempio vengono esaltate, o riconosciute, le doti artistiche del malato, che sente irrefrenabile la gioia di creare. Pittura, poesia, narrativa, musica sono le "arti" che il parker riscopre in sé.

Daniela Zampirollo si è scoperta pittrice, narratrice e poetessa, così tanto per non farsi mancare niente. La sua è arte vera!

COME SABBIA

Il tempo mi sfugge dalle mani.

Come sabbia

lo sento,

ma non posso farci niente.

Sensazione tremenda…

sento la vita che se ne va.

E io qui

a sperare in un futuro

di carta velina.


Daniela Zampirollo


Notiziario n°2 - ottavo giorno 25/01/2017

Postato il 25/01/2017 by Associazione Parkinson Rovigo & Amici Onlus

Continuiamo ad essere sorpresi della vostra generosità. Allo scadere dell'ottavo giorno dall'inizio della raccolta fondi abbiamo avuto 56 donazioni per un totale di 3.630 €. Non potevamo aspettarci di meglio. C'è qualcuno pronto ad aggiungersi?

Con questo secondo numero del Notiziario iniziamo a farvi conoscere un po' il Parkinson, è un mondo sconosciuto ai più, che tenteremo di scoprire con piccole “pillole”: racconti, poesie, immagini, filmati brevi.
Ogni mercoledì ci incontriamo in palestra per il nostro laboratorio di Tai Chi Chuan.

Il tai chi è un'antica disciplina cinese che consiste nell'esecuzione di una serie di movimenti lenti e circolari che ricordano una danza silenziosa. Deriva dalla filosofia taoista di Ying-Yang, l'eterna alleanza degli opposti, il cui fine ultimo è la ricerca della salute e del benessere, fisico e mentale.

Il tai chi è adatto per i malati di Parkinson perché comporta il controllo del movimento volontario di tutto il corpo, in particolare di braccia e gambe.

Oggi abbiamo lavorato sodo e ve lo mostriamo nel filmato qui sopra: non giudicateci per i risultati ma per l'impegno.


Notiziario n°1 - quarto giorno 21/01/2017

Postato il 21/01/2017 by Associazione Parkinson Rovigo & Amici Onlus

Abbiamo pensato di creare un Notiziario che riporterà la cronaca del progetto “Pulmino Amico”. Il 1° numero inizia con un riconoscente ringraziamento a tutti quelli che hanno donato fin dai primi giorni.

Buon giorno a tutti,

cominciamo la cronaca del progetto “Pulmino Amico” con un ringraziamento alle 30 persone che hanno donato 1.280 € nei primi quattro giorni della campagna.

I giorni a disposizione sono ancora tanti, ma sottoscrivendo subito ci aiutereste di più, perché si potrebbe creare un effetto emulativo.

Un altro modo per moltiplicare le donazioni è inoltrare questo appello ai vostri amici, però corredatelo con le vostre parole, non giratelo asetticamente.

Un'ultima indicazione. Se non gradite, se non apprezzate o, semplicemente, se non vi interessa, rispondeteci: “STOP” e vi cancelleremo dalla mailing list.

A tutti voi una buona domenica ed una settimana felice,

Associazione Parkinson Rovigo & Amici

Carlo Pipinato


Sostenitori

Ecco i gloriosi GINGERs che hanno sostenuto il progetto finora:

Ginger Ferdinando Crottini

Ginger Giulia Tarini

Ginger Associazione Volontari Ospedalieri di Rovigo

Ginger Fabrizio Brazzorotto

Ginger Amici di Pontecchio Polesine

Ginger Ennio Boschetti

Ginger Roberto Tomiato

Ginger Interlem S.R.L.

Ginger Volontari della Fionda di Davide

Ginger Noemi Bertoncin

Ginger Farmacia Beata Vergine della Salute

Ginger Diana Pineda

Ginger Sportello d'aiuto Parrocchia di Santa Maria delle Rose

Ginger Amici di San Pio X

Ginger Maurilio Magosso

Ginger Cuore Anonimo

Ginger Francesca Fantoni

Ginger Michelangelo Volpin

Ginger Fabio M. Vingiano

Ginger Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto

Ginger Enzo Lezzoli

Ginger Marco Busatto

Ginger Daniela Bordina

Ginger Associazione il giardino di alice patchwork e solidarietà

Ginger Braincare S.r.l.

Ginger Giacomello Burlini Elena

Ginger giulia lazzaretti

Ginger Dino Busatto

Ginger Cristina Sartorello

Ginger Adriana Roncon

Ginger Lina Bonato

Ginger daniela Soravia

Ginger Arianna Coro'

Ginger Paolo Furlanetto

Ginger Alessandro Martinello

Ginger Pietro Ferrarese

Ginger Lodovico e Annalisa giacomello

Ginger Agriturismo Millefiori

Ginger Enrico Biscuola

Ginger Raffaella Pampanin

Ginger Antonio Privitera

Ginger Floriano Segantin

Ginger Umberto Grimiti

Ginger Inox Tech S.p.a.

Ginger Farmacia Gaetano

Ginger Agostino Zurma

Ginger Andrea Stecca

Ginger Colleghe di Enrica

Ginger Eraldo Barcaro

Ginger Edoardo Dazzan

Ginger Chiara Cordellina

Ginger Farmacia Martinello

Ginger Barbara Mambrin

Ginger Roberto Piovan

Ginger Leonardo Baldo

Ginger Andrea Parenzan

Ginger Marina Campione

Ginger maria letizia mariani

Ginger ANNA RITA MEROLA

Ginger Andrea Galmacci

Ginger Federico Paralovo

Ginger Enrica Flavio Ettore

Ginger Sara Tomasi

Ginger Stella Barocco

Ginger Renzo Dardani

Ginger Phoebe Schmidt

Ginger mirko grillo

Ginger Angelo Cereser

Ginger Paolo Dolfini

Ginger Baroncini S.r.l.

Ginger Claudio Pavarin

Ginger Sandro Martarello

Ginger Laura Scaroni

Ginger Claudia Lunardi

Ginger Fausto Merchiori

Ginger Andrea Fusetto

Ginger Farmacia Broglio

Ginger Miriam Boccaletti

Ginger luciano martinoli

Ginger Grazia Calorio

Ginger Fabrizio Faraco

Ginger Elia Giacomello


Conosci il progettista:

Organisation Chart

Carlo Pipinato - Associazione Parkinson Rovigo & Amici Onlus

L’Associazione Parkinson è sorta nel mese di febbraio del 2012, fortemente voluta per:
• coinvolgere gli ammalati ed i loro familiari;
• dare voce alle diverse esigenze degli iscritti in un ambiente sereno.
L'Associazione propone sempre nuove attività, e accoglie le proposte che gli ammalati portano in occasione di ogni incontro. Ci sembra sempre molto importante capire se quello che abbiamo condiviso è arrivato a tutti, o se invece qualcuno avrebbe voluto viverlo in modo diverso. L’attenzione del gruppo al singolo è fondamentale.
Nel nostro gruppo la solidarietà e l’attenzione al particolare di un movimento difficile, o di uno stato d’animo espresso anche solo con gli occhi, diventano un punto di forza.
Se chiedete chi siamo, rispondiamo, persone in transito, perché stiamo crescendo, giorno dopo giorno, uno vicino all’altro, nel rispetto delle nostre diversità, per imparare ad accogliere sempre meglio chi arriverà in futuro.


carlo.pipinato@gmail.com

Dillo a tutti!

CONDIVIDI


COPIA IL LINK

Lascia un commento

Obiettivo raggiunto!

8.130

raccolti su € 5.390

151 %

obiettivo raggiunto

102

sostenitori

0

giorni

SOSTIENI

 

€20

Sostenitore

Il Sostenitore del "Pulmino Amico" versa una piccola somma di denaro per un'idea che ha un grande valore. Il nome dei Sostenitori sarà citato in una targa esposta sul fianco del pulmino.

17 SOSTENITORI
 

€50

Sostenitore Amico

Il Sostenitore Amico è una persona che ha un'alta sensibilità per chi ha bisogno di aiuto. Tutti i nomi dei Sostenitori Amici saranno citati, con caratteri più grandi, in una targa esposta sul fianco del pulmino.

16 SOSTENITORI
 

€100

Amico Silver

L'Amico Silver si impegna per un importo importante e il suo logo sarà pubblicato per un anno sul magazine semestrale "Quelli del 10%".
Se l'Amico Silver è una persona, gli riserviamo uno spazio per una foto o un saluto, sempre nel semestrale.

9 SOSTENITORI
 

€200

Amico Gold

L'Amico Gold ci è particolarmte caro. Un Amico Gold è come l'oro, perciò il suo logo sarà pubblicato per tre anni sul magazine semestrale "Quelli del 10%".

2 SOSTENITORI
 

€500

Amico Platinum

Un Amico Platinum è unico, il suo logo sarà serigrafato sul pulmino a testimonianza della sua preziosa amicizia per i malati di Parkinson dell'Associazione di Rovigo.

5 SOSTENITORI
Disponibilità: 1

FAI TU

Donatore

Se non ti riconosci in nessuna delle figure descritte qua sopra, non ti vogliamo limitare. Prendi coraggio e fai da te! Al Donatore regaliamo un sincero "Grazie di cuore".

IMPORTO MINIMO € 5 26 SOSTENITORI