Sociale | Rimini

Luisa vive se l’aiutiamo è un progetto di crowdfunding nato nel febbraio 2019 per sostenere le cure di Luisa, colpita da un carcinoma al seno in stadio avanzato. Grazie a questo progetto, potrà accedere a una terapia sperimentale disponibile solo negli USA, che ha già fatto registrare esiti positivi e rappresenta per lei una concreta speranza di vita. Per sottoporsi alla terapia, Luisa necessita di 500.000 euro. Lei utilizzerà tutti i suoi risparmi, ma servono con urgenza 300.000 euro. Il sostegno di oltre 5000 donatori ha consentito ad oggi di arrivare, grazie a donazioni pervenute tramite bonifici, paypal e altri canali di raccolta fondi, alla cifra di 280.000 euro. Questo sostegno, unito alle mail che giungono quotidianamente, sta dando a Luisa la forza di continuare a lottare, con determinazione e fiducia: il tuo contributo, qualunque sia l’importo, la avvicina al traguardo, rendendo ancor più concreta quella speranza di vita. Grazie di cuore per tutto ciò che potrai fare per lei.

IL PROGETTO E I PRIMI RISULTATI

Luisa, insieme all’equipe di medici che la segue, ha vagliato tutte le possibilità. Ma il suo è un caso particolarmente sfortunato e, delle terapie disponibili in Italia e in Europa, nessuna è indicata per risolverlo. L’unica possibilità di cura per lei è una immunoterapia sperimentale attualmente disponibile esclusivamente negli USA.

Il costo-base della terapia è 500.000 euro: una cifra che Luisa sta cercando di raccogliere, da una parte vendendo ciò che è nelle sue disponibilità e, dall'altra, attivando una campagna di crowdfunding che ha prontamente ottenuto il sostegno di amici e conoscenti, di studenti e colleghi dell’Università di Bologna, di realtà vicine alla solidarietà, di media locali e nazionali, di personalità nel mondo dello spettacolo e dello sport. A ciò si aggiunge anche la necessità di disporre di una cifra “di riserva” nel caso in cui la terapia cui si sottoporrà richieda accertamenti aggiuntivi o un periodo di ricovero.

La “gara di solidarietà”, costantemente alimentata da iniziative ed eventi organizzati da affezionati e instancabili amici e studenti per sostenere la causa di Luisa, ha permesso in tre mesi, grazie al supporto di oltre 5.000 donatori, di raccogliere 280.000 euro (dati aggiornati sul sito ufficiale dell'iniziativa): risultato entusiasmante, per Luisa e per il gruppo di persone che la sostiene quotidianamente in questo progetto. I tempi necessari per la vendita di ciò che è nelle disponibilità di Luisa, d’altra parte, si stanno invece prolungando, per cause indipendenti dalla sua volontà.

L'obiettivo è dunque oggi più vicino – molto più vicino – ma per raggiungerlo Luisa non può che confidare nella solidarietà. Non lasciamola sola: la sua vittoria contro il male che l'ha colpita sarebbe davvero il lieto fine che ognuno di noi, ascoltando la sua storia, vorrebbe vedere. Nel caso non riuscisse ad utilizzare completamente la cifra raccolta, Luisa ha deciso di destinarne una parte al sostegno per la cura di bambini provenienti da paesi disagiati, la restante alla ricerca.

CHI È LUISA?

Luisa

Luisa è una combattente nata, straordinariamente forte e allo stesso tempo dolcissima, che impegna la propria vita nella formazione delle conoscenze e delle competenze dei nostri giovani e coadiuva con il proprio lavoro la ricerca e la sperimentazione di cure efficaci contro i tumori.

LA SUA STORIA

Luisa ha un carcinoma infiltrante al seno, diagnosticato nel 2014, aggravatosi negli anni successivi e andato poi in metastasi a livello di spina dorsale, catena mammaria interna e in sede adiacente al pericardio. Nonostante il trattamento con interventi chirurgici, radio e chemioterapia, a gennaio 2019 sono comparse nuove metastasi ossee. I trattamenti disponibili in Italia e in Europa, purtroppo, non sono adeguati a risolvere il caso di Luisa: né quelli basati su farmaci chemioterapici, che stanno portando l’organismo a una debilitazione progressiva e non possono più farla guarire, né le immunoterapie disponibili in ambito italiano ed europeo, che non sono applicabili alla sua situazione specifica. Eccone i principali motivi:

- le terapie che usano farmaci (ad es. anticorpi specifici) in grado di attivare le cellule immunitarie direttamente nel corpo del paziente, già applicate in diversi ospedali italiani (a Siena, a Milano,...), necessitano di target, cioè di recettori a cui agganciare i farmaci immunoterapici, e Luisa purtroppo non ha i recettori necessari;

- le terapie note come “CAR-T”, che usano direttamente cellule immunitarie del paziente, attualmente disponibili in via sperimentale in Europa ma ancora non accessibili a tutti, sono al momento riservate al trattamento di leucemie e linfomi: il tumore di Luisa è, invece, un tumore solido, al seno.

PERCHÉ LUISA HA BISOGNO DI NOI

image3

Luisa vuole vivere, e per questo ha bisogno di curarsi.

Le risorse economiche che verranno reperite grazie alla solidarietà collettiva daranno a Luisa una chance: la possibilità di sottoporsi ad una immunoterapia sperimentale disponibile esclusivamente negli Stati Uniti. La terapia consiste nell’isolare, dal sangue o dal tumore del paziente stesso, i linfociti T, nel selezionare e potenziare quelli in grado di riconoscere e attaccare la specifica neoplasia, per poi infonderli nuovamente nell’organismo del paziente. L'equipe di Steven Rosenberg (National Institutes of Health di Bethesda, Maryland) è così riuscita ad eliminare completamente il tumore e tutte le metastasi da una paziente che, da due anni, è libera dalla malattia.

La stessa terapia è già somministrata in altri ospedali statunitensi; altri pazienti stanno guarendo e Luisa può essere una di loro.


LUISA E I SUOI STUDENTI

36667334_154910

L'anno scorso Luisa, nello spiegare ai suoi studenti la sua malattia, ha parlato delle difficoltà della vita come opportunità da cogliere per vivere una vita piena, compiere scelte importanti e seguire il proprio cuore. I suoi studenti hanno risposto inviandole tantissimi messaggi, che a tutt’oggi continuano a pervenire incessantemente e le danno la forza di andare avanti, di combattere, e di rappresentare così, per ciascuno di loro, un vero e proprio punto di riferimento ed esempio di vita.

“La forza non viene dal vincere. Quando passi attraverso le avversità e decidi di non arrenderti, quella è la forza!”

Luisa ha deciso di raccogliere in un libro, “Cento perle tra le onde”, ciò che quei ragazzi, poco più che ventenni, hanno sentito di scriverle per darle sostegno e conforto. Le “perle” del libro sono proprio le lettere e messaggi, scritti con il cuore, mentre le “onde” simboleggiano le inquietudini e le dure prove della vita. Attraverso la lettura, ognuno di noi può ricordare come diventare la forza e il sostegno dell'altro. Il libro è autoprodotto e disponibile su Amazon, sia in versione cartacea che ebook versione Kindle.

INFO E CONTATTI

Sito web dove poter trovare molte informazioni e interviste su Luisa: www.luisavive.it

E-mail: luisavive@luisavive.it

News

Messaggio di Luisa 10/07/2019

Postato il 10/07/2019 by Luisa Vive

Carissimi tutti, condivido con voi i risultati dell’ultima PET, che ho appreso la scorsa …

Continua a leggere

Sostenitori

Ecco i gloriosi GINGERs che hanno sostenuto il progetto finora:

Ginger arianna morri

Ginger Eventi di raccolta fondi a supporto di Luisa vive se l'aiutiamo

Ginger riccarda bianchi

Ginger Annalisa CERVELLATI

Ginger Rosanna Rampazzo

Ginger Elisa Fantini

Ginger Clementino Vitaliani

Ginger Luciano Boschetti

Ginger Giada Cordone

Ginger FRANCESCO BEVILACQUA

Ginger Emanuele Lanzi

Ginger BRIGHETTI VALERIA

Ginger Camillo Granchelli

Ginger Adele Catelli

Ginger Giovannivanni Zucca

Ginger CLAUDIO BOSELLI

Ginger Laura Manni

Ginger Piero Mazzini

Ginger vincenzo merenda

Ginger Luca Pieri

Ginger Claudia Ceccarelli

Ginger Francesca Rescigno

Ginger Fiorella Diozzi

Ginger Andrea

Ginger Laura Cattalani

Ginger Riccardo Rivolta

Ginger Carla Ciotti

Ginger Vanni Savorani

Ginger Fabrizio

Ginger Gualtiero Canappia

Ginger Roberta Osti

Ginger Luca

Ginger Patrizia Agati

Ginger Al 15 maggio 2019, 5.000 donatori hanno aiutato Luisa

Conosci il progettista:

1-1

Luisa Stracqualursi - Luisa Vive

“Luisa vive se l’aiutiamo” è un progetto di crowdfunding (finanziamento collettivo) nato per sostenere le cure di Luisa Stracqualursi, docente presso l’Università di Bologna, colpita da un carcinoma infiltrante al seno in stadio avanzato.


luisa@luisavive.it

Dillo a tutti!

CONDIVIDI


COPIA IL LINK

Lascia un commento

101%
Obiettivo raggiunto!

303.754

raccolti su € 300.000

101 %

obiettivo raggiunto

5059

sostenitori

0

giorni

SOSTIENI

 

€10

Un ringraziamento speciale!

Luisa ti è grata per quanto potrai fare per lei e ti ringrazierà con un saluto personalizzato.

34 SOSTENITORI

 

€50

Selezione di lettere ricevute da Luisa

Grazie alla tua donazione, riceverai via email una selezione di lettere di solidarietà inviate a Luisa dai suoi studenti e colleghi quando hanno saputo della sua malattia.

5 SOSTENITORI

 

€100

Ebook

Grazie alla tua donazione, riceverai tramite email l'ebook "Cento perle tra le onde" scritto da Luisa per raccogliere tutte le lettere e le email di solidarietà ricevute dai suoi studenti quando hanno saputo della sua malattia.

5 SOSTENITORI

 

€150

Copia cartacea del libro

Grazie alla tua donazione, riceverai tramite posta una copia cartacea con dedica del libro "Cento perle tra le onde" scritto da Luisa per raccogliere tutte le lettere e le email di solidarietà ricevute dai suoi studenti quando hanno saputo della sua malattia.

2 SOSTENITORI

FAI TU

Offerta Libera!

Luisa ti ringrazia per il tuo sostegno e saprà essere riconoscente nei tuoi confronti per tutto quello che hai potuto fare.

IMPORTO MINIMO €1

13 SOSTENITORI